Home » News » Diretta streaming “L’altrove tra noi 2.0 . Le migrazioni internazionali nello scenario italiano”

Pubblicato il: 20 aprile 2017 alle 7:29

Diretta streaming “L’altrove tra noi 2.0 . Le migrazioni internazionali nello scenario italiano”

Incontro-dibattito sul redigendo rapporto annuale della Società Geografica Italiana

Sarà possibile assistere ai lavori, che si svolgeranno secondo il “metodo aspen”, esclusivamente collegandosi a questo link alle ore 10.15.

Programma della giornata:

ORE 10,15
SALUTO INTRODUTTIVO
Filippo Bencardino, Presidente della Società Geografica Italiana

ORE 10,30 – 12,30
PRIMA SESSIONE
introduce e coordina
Franco Salvatori, Curatore del Rapporto

ORE 12,30 – 13,30
pausa spuntino

ORE 13,30 – 15,30
SECONDA SESSIONE
introduce e coordina
Monica Meini, Cocuratore del Rapporto

intervengono:
Silvia Aru, Università di Siena; Carmela Decaro, LUISS “Guido Carli”; Manlio Di Stefano, Deputato al Parlamento; François Dumont, Direttore della Comunicazione di Medici Senza Frontiere; Claudio Gambino, Università Kore di Enna; Sonia Gambino, Università di Messina; Teresa Graziano,Università di Catania; Francesca Krasna, Università di Trieste; Fulvio Landi, Università di Firenze; Pierluigi Magistri, Università di Roma “Tor Vergata”; Monica Meini, Università del Molise; Giorgia Meloni, Deputata al Parlamento; Cristina Molfetta, Area ricerca e documentazione Fondazione Migrantes; Alessandra Morelli, Delegata dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati-UNHCR; Caterina Nicolais, Università di Napoli “Parthenope”; Claudio Paravati, Direttore del mensile Confronti; Alessandro Ricci, Università di Roma “Tor Vergata”; Sandro Rinauro, Università di Milano Statale; Davide Rosso, Direttore Fondazione Centro Culturale Valdese; Paolo Rozera, Direttore Generale Unicef Italia; Enrico Squarcina, Università di Milano “Bicocca”; Livia Turco, Presidente della Fondazione Nilde Iotti; Gemma Vecchio, Presidente dell’Associazione “Casa Africa”; Antonino Zarcone, Centro Militare di Studi Strategici.

     

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *