Home » Mercolei Fotografico » Mercoledì Fotografico – L’Abruzzo di Mario Fondi. L’antico borgo di Pescocanale

Mercoledì Fotografico – L’Abruzzo di Mario Fondi. L’antico borgo di Pescocanale

Lo scatto di Mario Fondi si inscrive nella dettagliata e inestimabile narrazione fotografica compiuta dal geografo nel secondo dopoguerra, quando intraprese un lungo viaggio alla scoperta dell’Italia interna e dei suoi paesi, immortalandone il «tempo sospeso» dei millenari centri storici.

Pescocanale è arroccato su uno sperone sospeso sul Fiume Liri, lungo la Valle Roveto. Le sue architetture civili e militari raccontano le diverse fasi di formazione del nucleo abitativo, dall’epoca normanna all’espansione della primitiva rocca durante il periodo di dominazione colonnese.

Le fotografie di Fondi acquisiscono un valore aggiunto al giorno d’oggi, giacché consegnano a osservatori e studiosi un palinsesto paesaggistico che nella seconda metà del ‘900 ha subito significative modifiche, talvolta veri e propri stravolgimenti.

Il centro è una delle frazioni del comune di Capistrello, e la maggior parte degli immobili antichi visibili nello scatto sono disabitati da decenni, segno del lento spopolamento che colpì rocche e borghi delle aree interne della penisola, con un’accelerazione significativa a partire dagli anni ‘60.

Il primo collegamento di rilievo con il comune di riferimento venne ultimato proprio nel 1965, anno del passaggio di Fondi e del suo scatto, quando divenne possibile percorrere la strada carrozzabile verso Capistrello. Si pensi che in precedenza, per compiere il medesimo itinerario, si scendeva per una stradicciola ripida per poi attraversare il fiume Liri e la ferrovia, percorrere una scomoda mulattiera e accedere alla Nazionale 82, in vista della destinazione.

La fotografia, un negativo su vetro, fa parte del prezioso fondo Dainelli che raccoglie circa 18.000 fotografie donate dallo stesso alla Società Geografica Italiana nel 1951.


Seguici anche sui nostri social